Cos’è ActiveCampaign (recensione 2021)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Che cos’è ActiveCampaign? “Solamente” il CRM per la Costumer Experience Automation con il prezzo più accessibile in rapporto alle impressionanti funzionalità che offre. Questo lo rende una delle scelte preferite dai marketers e dagli imprenditori digitali.

ActiveCampaign è più economico di Keap Infusionsoft ed è stato il primo CRM che abbiamo utilizzato e proposto in maniera seriale ai nostri clienti, con ottimi risultati.

Cos’è ActiveCampaign? Quali sono i vantaggi che offre?

Daremo risposta a questa e a tante altre domande. Inoltre approfondiremo:

  • Una panoramica del software
  • La creazione delle automazioni
  • I prezzi di ActiveCampaign
  • Per cosa lo utilizziamo

Se invece vuoi semplicemente attivare ActiveCampaign, puoi farlo direttamente con noi, con il vantaggio di avere:

  • il nostro corso di formazione avanzato in omaggio
  • assistenza gratuita per il primo mese
  • migrazione dal tuo attuale CRM

Puoi richiedere l’attivazione direttamente da questa pagina: attiva la Demo di ActiveCampaign.

Per iniziare: cos’è ActiveCampaign?

ActiveCampaign non è solo una piattaforma per l’email marketing. È una piattaforma completa per la marketing automation, anzi, della costumer experience automation, come amiamo definirla. Se avete usato in passato software come Aweber, avrete familiarità con le caratteristiche principali come l’invio di email broadcast (chiamate campagne) e la creazione di form.

Ciò che le funzionalità CRM di ActiveCampaign ti danno (soprattutto a partire dal piano Plus) è un maggiore controllo sui tuoi contatti rispetto a quello a cui sei probabilmente abituato. Ma dove ActiveCampaign si distingue davvero sono le sue funzionalità di automazione. Include un potente editor di automazione visiva che permette di costruire dei flussi di lavoro sorprendenti che pochi altri fornitori possono eguagliare.

ActiveCampaign è basato su una logica di tag, utilizzata frequentemente per segmentare le liste. La segmentazione delle email è super importante perché permette di inviare email mirate, con un tasso di conversione più alto e poche probabilità di finire in spam. Pensate ai tag come ad attributi per segmentare le persone della vostra lista. Potreste avere tag per interessi particolari come ‘email marketing’, ‘SEO’ ecc. Oppure potreste creare tag per ‘acquirenti‘ e ‘non acquirenti‘. Sta a voi decidere che tipo di tag utilizzare, con la massima flessibilità.

Quali sono le migliori caratteristiche di ActiveCampaign?

1: Costruire potenti automazioni

ActiveCampaign ha uno degli editor di automation più flessibili al mondo. In primo luogo, supporta un’ampia varietà di trigger. Così sarete in grado di utilizzare trigger comuni come l’iscrizione a una lista o l’aggiunta di tag, ma anche quelli più avanzati come l’avvio di un’automazione quando un contatto visita una certa pagina del vostro sito.

Permette anche di eseguire una grande varietà di azioni. Non solo è possibile eseguire azioni standard come l’invio di e-mail, l’attesa, l’aggiornamento dei tag e dei campi personalizzati, ma si possono anche inviare SMS, aggiungere gli iscritti a un pubblico personalizzato Facebook e altre azioni avanzate.

Per la massima flessibilità, si possono anche far passare i contatti da un’automazione ad un’altra.

2: Cos’è ActiveCampaign? Condividere le automazioni

C’è un’automazione che stai cercando di costruire? È possibile che qualcuno ne abbia già costruita una che potete importare direttamente sul vostro account. O forse volete solo condividere con gli altri le automazioni che avete costruito voi stessi. ActiveCampaign ti permette di farlo ed è davvero una bella funzionalità.

Nella pagina delle automazioni, se si fa clic sulla freccia a discesa accanto all’automazione c’è una voce di menu ‘Condividi‘. Selezionandola, si otterrà un URL di condivisione unico che si può dare a qualcun altro per permettergli di importarla nel suo account.

In questo modo si possono ad esempio offrire delle automation come lead magnet, o addirittura venderle.

3. Scala con il tuo business

Se hai appena iniziato con l’email marketing, il piano Lite di ActiveCampaign soddisferà le tue esigenze. I flussi di lavoro più comuni possono essere costruiti utilizzando questo piano, e il prezzo è paragonabile ad alternative meno potenti come Aweber e MailChimp. Ma se siete un’azienda più grande e volete un’alternativa a software come Keap InfusionSoft che include funzionalità più potenti come una pipeline di vendita, allora ActiveCampaign può gestire anche questo con i suoi piani superiori. Quindi c’è davvero qualcosa per tutti.

4: Puoi reinviare le campagne

Un’altra caratteristica che mi piace è la possibilità di reinviare le campagne. Diciamo che hai una campagna che ha funzionato davvero bene. Tuttavia nei 3 mesi, da quando l’hai inviata, potresti aver aggiunto un altro migliaio di nuovi abbonati alla tua lista. Bene, ora avete la possibilità di rinviare di nuovo questa campagna, solo ai nuovi contatti che si sono aggiunti dopo il primo invio. I tuoi contatti che hanno già visto la tua campagna non la riceveranno più.

ActiveCampaign ti dà anche la possibilità di inviare email di broadcast ai contatti che non hanno aperto la tua prima email. Il trucco è quello di inviare nuovamente la tua campagna, ma utilizzando un oggetto diverso. Dal momento che non hanno aperto la tua email inizialmente, non hanno mai visto il contenuto e puoi mantenere lo stesso.

Ci sono molte ragioni per cui qualcuno potrebbe non aver aperto la tua email in precedenza, e questa opzione di reinvio ti dà la possibilità di estendere il tuo raggio d’azione prendendo di mira queste persone, senza perdere neanche un minuto di tempo.

5: Supporta la lingua italiana

Chi vive nel mondo del digitale è abituato ad utilizzare tool in inglese ma, ammettiamolo, lavorare in italiano spesso è impagabile. ActiveCampaign è uno dei pochi tool per la marketing automation che supporta anche la nostra lingua, anche se alcune traduzioni sono un po’ farraginose.

Come è fatta la piattaforma ActiveCampaign

Dashboard

La prima volta che effettui il login, inizierai dalla dashboard, una sezione che ti da una panoramica sul tuo ActiveCampaign. Si tratta di un insieme di diversi widget, che puoi personalizzare e spostare a tuo piacimento. Il primo widget che noterai mostra tutti i contatti che hai nel tuo account. Può essere modificato per vedere i tuoi contatti attivi, ovvero il numero di persone che aprono effettivamente le tue e-mail e che non hanno cancellato l’iscrizione.

Una cosa bella di ActiveCampaign è che i tuoi contatti cancellati non contano ai fini del tuo limite di contatti. Molti altri fornitori di servizi di email marketing ti fanno pagare anche per gli utenti cancellati. Da qui puoi anche vedere i link alle tue campagne più recenti e alle automazioni più recenti.

Anche il widget Top Contacts è molto interessante. Potete vedere i contatti che hanno interagito maggiormente con il vostro email marketing. Questi sono di solito i vostri migliori clienti o potenziali clienti e potreste voler dare loro un po’ di attenzione in più e renderli felici.

Contatti

Qui è possibile accedere a tutti i contatti del vostro account. I contatti possono essere comodamente filtrati per tag o lista. Una bella caratteristica è la possibilità di selezionare più contatti ed eseguire azioni su di essi, come aggiungerli tutti a una lista, o dare loro un tag specifico. Da qui, è anche possibile importare ed esportare i contatti. Per esempio, puoi esportare le tue liste di acquirenti e importarle nel tuo account Facebook Ads e creare un pubblico personalizzato. Questo è ottimo per creare annunci altamente mirati.

Se stai migrando da un altro provider di servizi e-mail, puoi farlo facilmente dalla schermata di importazione. ActiveCampaign supporta una serie di applicazioni di terze parti, nativamente o tramite Zapier. La schermata del contatto specifico vi permette di vedere maggiori informazioni, come i campi personalizzati, le email che ha ricevuto, le automazioni e liste di cui fa parte, i suoi tag, ecc.

Report

Una volta che l’invio di e-mail diventa parte integrante della vostra attività, la schermata dei report è un luogo in cui passare molto tempo. Vi permette di vedere facilmente cosa funziona e cosa non funziona nel vostro marketing. Ciò che ho trovato più utile sono le statistiche riassuntive iniziali. Qui potete vedere il vostro tasso di apertura, il tasso di click, le cancellazioni e i rimbalzi.

Anche il report dei client e-mail è molto utile. Potete vedere quali sono i client di posta elettronica più popolari e cambiare la vostra strategia di conseguenza. Ad esempio, se la maggior parte dei vostri iscritti utilizza Gmail, allora potreste voler fare più attenzione a far entrare le vostre email nella scheda principale di Gmail.

Se i vostri iscritti utilizzano per lo più client di posta mobile, è meglio che vi assicuriate di verificare che le vostre email abbiano un bell’aspetto sul piccolo schermo.


Cos’é ActiveCampaign e come creare un’automazione

Le automazioni consentono di creare un flusso di lavoro di azioni che vengono attivate in base a criteri specifici. Se il vostro obiettivo è quello di costruire un business altamente automatizzato, allora le automazioni sono quello di cui avete bisogno. Secondo una ricerca di HubSpot, i marketer che implementano la marketing automation aumentano le loro vendite in media del 10%.

Quando si crea un’automazione, viene prima chiesto come si vuole attivare l’automazione. Alcuni dei trigger più utili includono:

  • Cliccare un link in una e-mail
  • Una pagina del tuo sito viene visitata
  • Quando un evento viene registrato, come qualcuno che acquista il vostro prodotto.
  • Ogni volta che viene aggiunto un tag

Una volta aggiunto un trigger, ActiveCampaign vi offre una varietà di azioni che potete eseguire. Ad esempio, è possibile:

  • Inviare un’e-mail o un SMS
  • Aggiungere o rimuovere un tag
  • Creare un if/allora condizionale
  • Attendere x numero di giorni

Costruire il vostro flusso di automazioni è quindi un’attività semplice dal punto di vista tecnico, senza l’esigenza di saper scrivere codice o programmare. È anche possibile creare automazioni più complesse composte da tante automazioni più piccole. Questa capacità di riutilizzare le automazioni è molto potente e vi farà risparmiare molto tempo se usate molto le automazioni.

Cos’è ActiveCampaign e quanto costa

Con tutte queste caratteristiche che il servizio offre, ci si potrebbe chiedere: quanto costa ActiveCampaign? Fortunatamente, ha una struttura di prezzi abbastanza ragionevole. Ci sono 4 livelli di prezzo – Lite, Plus, Professional e Enterprise. La differenza principale è che Plus include le funzioni CRM e Lead Scoring. Professional aggiunge la chat sul sito, Attribution e supporto per 50 utenti. Tuttavia, il piano Lite per ora offre tutte le caratteristiche principali di marketing automation. E per la maggior parte delle aziende, questo è più che sufficiente.

Per cosa usare ActiveCampaign nella tua attività

ActiveCampaign è uno dei miei strumenti di marketing preferiti. In primo luogo, lo utilizzo collegato a tutti i lead magnet che distriuiamo sul web. Quando scarichi un nostro ebook, ti iscrivi a un chatbot, acquisti qualcosa nella nostra academy, ecc, vieni iscritto alle nostre liste.

Fortunatamente si integra molto bene con gli strumenti che usiamo, qui su WordPress (come GravityForm e Elementor) e fuori (tramite Zapier). Utilizzo poi la versione Plus per tracciare i lead. Ogni volta che arriva una richiesta di preventivo si genera una card che entra in una pipeline, in questo modo ho delle statistiche di vendita aggiornate e posso automatizzare l’assegnazione di task al mio team.


Nel complesso, penso che ActiveCampaign sia uno dei migliori investimenti che si possano fare nella propria attività. Offre dei servizi completi ad un prezzo accessibile. Ci vorrà un po’ di tempo per acquisire dimestichezza e un po’ di creatività, ma si può praticamente implementare qualsiasi tipo di automazione ti venga in mente.

Quindi, ti consiglio di dargli una chance, provarlo, hai 14 giorni gratuiti in cui ti stupirà! Se hai in mente un altro CRM, invece, o vuoi conoscere le alternative, qui ti viene spiegato tutto per filo e per segno!

Prenota una consulenza

Potrebbe interessarti anche…

Torna su

Hai un progetto? Parliamone insieme!